MAURIZIO PILO’

/, P/MAURIZIO PILO’

MAURIZIO PILO’

(Faenza, 1957)

Maurizio Pilo’ ha frequentato il Liceo Artistico di Ravenna e l’Accademia di Belle Arti della stessa città dove si è laureato con una tesi dal titolo “Segno naturale, segno artificiale”.

Luca Donelli ha ravvisato nelle opere di Pilò: “un buon uso delle tecniche miste (fotografia, acrilici, matite, lucidi) spesso sovrapposte (…) per arrivare alla creazione di un quadro con un tema paesaggistico o comunque naturale. Pilò manifesta una profonda conoscenza della natura, conosce bene la terra, gli alberi, le foglie,le nebbie della pianura, riuscendo a rappresentarceli anche con pochi strumenti, con la leggerezza di chi li vive con curiosa passione. Quella di Pilò è una natura malata, in declino ma l’artista la guarda dall’alto, attraversandola con la leggerezza che gli consente di non toccarla ma solo di osservarla, e forse di trovare una soluzione al decadimento con le armi di sempre: la bellezza”.

Tra poverismo, concettualismo, metafisica del banale e distopici interventi pittorici, Pilò è, in fondo, artista romantico: un pittore del rimpianto e della nostalgia. Da non solenni soggetti agricoli e campestri sa infatti estrarre – dopo vari passaggi, inserti e sovrapposizioni – un particolare senso di affezione nei confronti di una natura se non in via di scomparsa almeno incamminata verso la marginalità e un ormai generalizzato, irreversibile oblio.

Nel 1998 Giulio Guberti lo presenta alla Sala Mostre della Biblioteca di Russi e nel 1999 Danilo Montanari alla Galleria Voltone della Molinella di Faenza. Angelamaria Golfarelli si dedica a più riprese al suo lavoro: nel 2005 per la mostra alla Galleria Arte Più di Lugo, nel 2006 per quella alla Casa Guerrini di Sant’Alberto di Ravenna, nel 2007 a Palazzo Marini di Alfonsine e all’Oratorio di San Sebastiano di Forlì, nel 2009 alla Galleria Voltone della Molinella di Faenza e alla Fabbrica di Gambettola, nel 2010 ai Magazzini del Sale di Ravenna, nel 2011 alla Galleria Il Vicolo di Cesena e alle Pescherie della Rocca di Lugo, nel 2014 all’Oratorio di San Sebastiano di Forlì, nel 2015 alla Galleria Arte Incontro di Conselice e alla Galleria Santa Croce di Cattolica, nel 2017 alla Biblioteca di Gambettola e nel 2018 alla Galleria Voltone della Molinella di Faenza. Nel 2019 ha esposto ai Magazzini del Sale di Cervia e alla mostra “Omaggio a Hermann Nitsch” (15 artisti italiani e stranieri in occasione della mostra “Immagine”) al Mercato Centro Culturale di Argenta. Nel 2018, 2019 e 2020 ha esposto ad Arte Fiera Bologna nello stand di Danilo Montanari Editore.

(f.b.)

 

 

Bibliografia essenziale

Maurizio Pilò. Treelogy, con testi di A.Golfarelli e D.Montanari, Ravenna, 2011

Maurizio Pilò. Trasparente, con testo di G.Gianuizzi, Ravenna, 2016

Maurizio Pilo’. Sfogliarsi, testo di Luca Donelli, Danilo Montanari Editore, Ravenna, 2020

Fondi

Studio dell’artista, Santa Maria in Fabriago

 

 

News

 

2021-02-25T10:53:07+00:00febbraio 25th, 2021|Artisti, P|